giovedì 19 aprile 2018

Un giorno a Milano: toccata e fuga al fuorisalone

Ci siamo quasi... dopo due anni di astinenza finalmente respirerò di nuovo " un pò d'aria buona" come dico io! Domani salirò a Milano per un fast-tour nella capitale del design per uno degli evento internazionale più importante dell'anno, la Milano Design week!

I Navigli, ora aperitivo alla Milano Design Week del 2015.


Partendo dal presupposto che è impossibile vedere tutto anche in una settimana intera, per il mio tour super veloce ho dovuto operare delle scelte e darmi delle priorità! Quest'anno la mia priorità è ricaduta sugli eventi del Fuorisalone nei vari design district della città. In questi giorni ho seguito sui social e sui siti ufficiali le anteprime di mostre ed eventi così oggi posso dedicarmi a rimettere insieme tutte le foto, i link, le informazione salvati e iniziare a pianificare la visita! 

La mia curiosità e il mio interesse non potevano che soffermarsi su eventi dedicati a natura, green building, stili di vita sostenibili, materiali... oltre a design scandinavo e spazi dedicati ai giovani designer; con uno spirito più che ottimista ho individuato alcuni dei luoghi che mettono in mostra tali concept, evidenziando così un fil rouge che guiderà la mia maratona!

Partendo da Milano ZONA CENTRALE, mi incuriosisce l'installazione di 500 mq in Piazza Duomo, "Living nature, la natura dell'abitare" in cui sono stati riprodotti quattro microcosmi naturali e climatici adottando criteri di risparmio energetico. A pochi passi da lì si trovano gli spazi di Bla Station e Zero, dedicati al design scandinavo! 
Cercherò di non fare la pallina matta per Milano per cui sto pianificando le visite anche in basi agli spostamenti, da fare in metro... affidandomi alle mappe trovate in rete ( ma più certamente accalappiandone una il prima possibile appena arrivata in città!) mi sento di orientare i miei passi  verso ISOLA DESIGN DISTRICT, il quartiere del Bosco Verticale che dopo l'apertura di Piazza Gae Aulenti sta iniziando ad avere una buona notorietà. E' il quartiere giovane del Fuorisalone che ha adottato come focus centrale il tema dei "Rethinking Materials"...materiali rinnovabili e sostenibili che caratterizzando anche gli spazi dedicati ai giovani designer, uno tra i quali ZONA K all'interno del quale espongono anche designer umbri emergenti...andrò a curiosare ! ;-)

Pausa caffè... zona Brera, a due passi da Casa Lago che vale sempre una visita! Il parquet che trovate è Listone Giordano, brand umbro famoso in tutto il mondo. 

Arrivata a questo punto, è probabile che sia già trascorsa gran parte della mattinata e potrebbe essere arrivato il momento di fare una pausa; senza perdere troppo tempo credo mi orienterò verso un delizioso street food che non sarà difficile trovare in giro (per esempio ai Giardini Ventura, "Street food Experience"... per me sarà un pò fuori mano ma se qualcuno di voi ci farà un salto, mi farebbe piacere saper come si mangia!)

Spazio Boffi al Fuorisalone del 2015, un punto di riferimento per l'eccellenza delle cucine.

Dovrà assolutamente fare in tempo a passare per BRERA, distretto storico del Fuorisalone, quartiere dell'Accademia e cercare lo spazio di Slow Wood Lab con l'allestimento "I sensi del legno"...e spero di incrociare qualche "wood export" per farci una chiacchierata.
Prima di riprendere il treno mi piacerebbe salutare anche l'emblematica ZONA TORTONA, una delle mie preferite; tra le tappe avrei inserito il Superstudio Più in cui sono esposte opere di designer emergenti e non solo in "Only the best", Opificio 31 dedicato alle ultime tendenze del design nordico e Spazio Zegna in cui si trova l'allestimento del brand Moooi di Marcel Wonders ... ma, chi sa se ce la farò?!
Intanto stasera, a letto presto... domattina ho un treno da prendere!!!



Nessun commento:

Posta un commento